Iscriviti alla Newsletter! Subito per te un 4% di sconto sul primo acquisto

Iscriviti alla Newsletter! Subito per te un 4% di sconto sul primo acquisto

Mini Skincare: perch farla, cosa utilizzare e come

Mini Skincare: perch farla, cosa utilizzare e come

10/07/2021 14:08:00 | Quellidellafarmacia

Benvenuti in questo appuntamento settimanale. cominciamo in questo articolo a parlare delle mini skincare: come farle, cosa utilizzare e come. La parte del consiglio la svolgo tantissimo sulle messaggistiche, perché il farmacista è un confessore diciamocelo. In questo blog racchiudo le vostre domande più gettonate e cerco di chiarificare un po' di concetti.

I passaggi nella skincare

DETERGERE: passaggio obbligatorio
IDRATARE e NUTRIRE : passaggio obbligatorio
PURIFICARE: passaggio saltuario
ILLUMINARE: passaggio saltuario
Il beneficio di una pelle ben curata è innegabile. Una pelle curata è una pelle in grado di proteggersi meglio dalla aggressione di agenti patogeni, (i funghi ad esempio), dall’azione distruttiva dei fattori inquinanti, dagli agenti atmosferici.

Quando ero dietro al banco ripetevo come un mantra che “less is more”. Non lo dicevo in inglese anzi suonava più così: “basta lavasse, te casca la pelle!”. Poi vi racconterò quante problematiche nascono dall’eccesso di igiene della nostra era. Ma non divaghiamo e torniamo alle mini skincare.

Detergere la pelle nel modo corretto

Il viso ve lo dovete lavare. Struccare sia che siate beauty addicted sia che siate di quelle come me che si mettono il minimo indispensabile per non essere improponibili. Tutto sta a scegliere dei prodotti buoni in linea con i nostri gusti e principi. Voglio dire che in ogni ambito che possa essere il vegan, il bio, il cruelty free, il settore farmaceutico o qualsiasi altra cosa abbiate abbracciato come stile di vita, in tutti i casi il “talento” sta nell’individuare il prodotto più adatto alla nostra pelle e saper seguire i cambiamenti della stessa. La pelle cambia non solo nel corso degli anni ma anche nella stessa settimana.

Quindi scegliete uno struccante ed un detergente schiumogeno non per forza una mousse purché sia a risciacquo. Cercate di capire da subito come vanno usati, se a risciacquo, se con dischetto o con le mani. Ma partiamo dalle basi perché è frustrante comperare un prodotto, finirlo e non trovarsi soddisfatti solo perché si è utilizzato nel modo SCORRETTO. E non potete capire quante volte capiti questa cosa.

Esistono pessimi prodotti ma esistono ottimi prodotti che uno trova pessimi perché non vengono usati correttamente o perché semplicemente non andavano bene per noi.

Qual è il miglior detergente?

Non esiste il migliore. La scelta si fa in base alla pelle. Per esperienza posso dire che la distinzione deve essere fatta tra pelle giovane e pelle matura e che tale distinzione spesso madre natura non la fa coincidere con i dati anagrafici, quindi bisogna osservarsi bene. Se la pelle tende a lucidarsi durante la giornata, se compaiono dei brufoletti ogni tanto nella zona T allora la tua pelle sarà con ogni probabilità una pelle Mista. Se la pelle rimane opaca, tira spesso e le rughe segnano il volto con molta facilità siamo di fronte ad una pelle secca.
Un detergente molto buono e poco conosciuto è quello di Korff, al burro di karitè, adatto nello specifico alla pelle secca ma estremamente adattabile alla pelle normale e mista, soprattutto nella stagione fredda.Pulisce e nutre rendendo subito una sensazione di benessere, un effetto calmante e vellutante.
Un'altra mousse che va bene per tutti è quella di Purobio. Lascia sulla pelle una sensazione di leggerezza e freschezza.

Idratare e nutrire la pelle

Step fondamentale dopo aver lavato il viso è l’idratazione della pelle. Idratare e nutrire a seconda del tipo di pelle, ma anche a seconda della stagione e dei cambiamenti a cui può andare incontro.

“Ma io sono troppo stanca per mettere la crema la sera". Spesso la stanchezza ha la meglio su molti di noi. Ripeto che però è abbastanza importante farlo. Ne faccio un discorso di salute e non meramente estetico che lascia a desiderare a volte. Qua non si tratta di sentirsi carine/i ma di prenderci cura di un ORGANO del nostro corpo che molto spesso non viene percepito come tale. La pelle non è meno importante del nostro fegato ed anzi spesso è grazie al suo stato che si accendono dei campanelli di allarme che ci avvertono che qualcosa nel nostro corpo non va. Quindi io non dico di farne una fissazione ma una buona crema che idrati e protegga dagli agenti inquinanti e dai raggi uv sia buon uso concedergliela. Vi rispondo a qualche domanda, cliccate per vedere la risposta.


Alcune delle domande più frequenti sulla crema idratante

Meglio un siero o una crema?
Meglio insieme, prima il siero e poi la crema. Se dovete scegliere che sia la crema perché il siero da solo non può bastare per una idratazione profonda.

Meglio la crema giorno o la crema notte?
Stessa cosa. Tutte e due sono essenziali perché assolvono a due compiti completamente diversi e vengono recepite dalla pelle in due momenti opposti. La notte la pelle è più recettiva in quanto a riposo e non stressata dall'ambiente esterno, dal trucco e dalle nostre mani. Si predispone ad assorbire meglio la crema amplificandone i benefici.Ricordiamo che quasi tutte le creme notte contengono principi drenanti naturali, che riducono il gonfiore consentendoci di risvegliarci meno gonfie al mattino. La crema giorno, che difatto è la barriera di protezione verso l'esterno, grazie alla crema notte verrà assorbita ancor meglio. E sto semplificando per non annoiarvi. 

Un alterativa alla crema notte?
Una crema nutriente può essere un'alternativa. Anche nel caso di pelle mista, per cui normalmente una crema grassa sarebbe troppo, può andar bene, sempre che al mattino venga rimosso l'eccesso con il giusto detergente delicato.

Quando è estate come faccio con la crema solare?
L'estate è molto importante sostituire la crema idratante del mattino con la crema con fattore solare. Ormai esistono in tutte le texture, per qualsiasi tipo di pelle e per qualsiasi esigenza.

Purificare la pelle con le mini skincare

Sarò breve: una maschera ogni tanto.
Io uso quelle di Purobio che costano poco ma sono completamente naturali e non me ne voglia Purobio ma io con una bustina di quelle in crema ci svolto almeno tre applicazioni. Ci sono moltissime maschere per purificare, tonificare, illuminare. Se siete pigri fatene almeno una a settimana. La vostra pelle vi ringrazierà. La maschera purificante non è solo per le pelli miste o grasse! esiste anche la maschera purificante per pelli secche. Tutte le tipologie di pelle vanno pulite a fondp.
Per purificare la pelle è utile anche utilizzare degli scrub una volta a settimana o dei peeling una volta a settimana. Molto buono il d-clare della Rilastil all'acido mandelico. Per chi ha la pelle più sensibile esistono dei gommage quotidiani come quello de La Roche Posay. Non ci vuole chissà che spesa o chissà quanti prodotti. Basta ricordarsi di fare il minimo: una volta a settimana la maschera magari alternandone le tipologie ed una volta a settimana peeling o scrub.

Illuminare la pelle con la skincare

Questo è uno step che si fa con delle maschere illuminanti. Io uso la MIA di Korff, una linea vegan della ben nota casa cosmetica. Allora illuminare non è uno step essenziale. Ma una coccola non molto dispendiosa. Anche perché si può fare una volta a settimana, ogni dieci giorni. Di fatto, il prodotto dura molto. Le maschere ricordatevi sempre che se a risciacquo dovete applicarle sul volto ben deterso, prima del siero e della crema. Se in tessuto spesso sono talmente ricche di prodotto che si assorbono e vi evitate la crema. Sto dando consigli pratici per i più pigri. Meglio sarebbe sempre applicare i prodotti di idratazione abituali dopo la maschera MA UN COMPROMESSO BUONO LO POSSO ACCETTARE.

Alla prossima settimana.Seguiteci su Instagram, stiamo preparando delle novità che potrete vedere dal primo Marzo. Un abbraccio.
Doc Marta

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...